Ad un anno esatto dall’insediamento del nuovo Consiglio d’Amministrazione, ARIA (Fondazione Industriale Adriatica) ha presentato, nell’ambito della consueta assemblea dei soci di fine anno del 24 novembre 2017, il consuntivo dell’attività culturale 2017 e i nuovi progetti che nel 2018 vedranno la luce.

Ospite e moderatore dell’affollato incontro tenutosi presso la nuova location pescarese ‘Piazza Mercato’, il giornalista Rai Paolo Di Giannantonio che, insieme al Presidente Alessandro Di Loreto, ha ripercorso eventi e progetti realizzati nel corso dell’anno, accomunati da un filo conduttore, ovvero la valorizzazione del territorio abruzzese attraverso la produzione di eventi culturali ed artistici internazionali che favoriscano, attraverso il confronto e lo scambio di conoscenza, l’integrazione tra popoli di differenti culture e ad una maggiore conoscenza della propria identità nazionale e regionale.

Gli eventi Aria di ‘Primavera’ realizzati sono stati: ‘Identità storica e identità naturale per lo sviluppo economico e culturale della Regione Abruzzo’ (Villa Estea – Torino di Sangro/18 marzo ‘17) e China Day (Università d’Annunzio – Pescara 3 maggio ’17) una giornata di studi sulla Cina contemporanea organizzata in collaborazione con l’Ud’A e il Centro Studi sulla Cina Contemporanea CSCC, dedicata agli studenti universitari e delle scuole secondarie abruzzesi; mentre per Aria d’Estate’, ovvero dal 15 luglio al 30 settembre, ha avuto luogo la quarta edizione del progetto di punta e più longevo della Fondazione Aria, Stills of Peace and Every Day Life, in collaborazione con il Comune di Atri, dedicato all’incontro e allo scambio interculturale tra ltalia e Cina con la produzione di due mostre d’arte contemporanea – Yahon Chang e Matteo Basilé – presso le Scuderie di Palazzo Acquaviva di Atri, una mostra sulla scrittura dedicata all’antica cultura Dongba presso il museo Capitolare di Atri, due appuntamenti con la lirica tenutesi presso il Teatro Comunale e poi Cine China, la rassegna di cinema in lingua originale. Sempre in luglio si è tenuto l’evento UNESCO dedicato alla presentazione della Guida al Patrimonio dell’Umanità di Italia e Cina alla presenza della Presidente nazionale e Vice-Presidente europea della Federazione dei Centri Unesco, FICLU, occasione privilegiata per parlare delle faggete vetuste del Parco Nazionale d’Abruzzo, primo sito Patrimonio dell’Umanità in Abruzzo (Chiostro della Cattedrale di Atri – 30 luglio 2017).

Di seguito un video reportage dedicato all’attività culturale 2017 della Fondazione Aria.

L’incontro del 24 novembre è stato altresì occasione per presentare a soci, sponsor e stakeholder, i progetti in corso, quelli in fase di avviamento e le nuove idee progettuali selezionate dal CdA Aria.
L’arte contemporanea nel paesaggio abruzzese presentato da Maria Paola Lupo e Stefano Scipioni, incentrato sulla scoperta di autentiche opere d’arte immerse nella varietà naturalistica della nostra regione. Con questo ambizioso progetto si vogliono raccontare gli interventi di arte contemporanea fatti allo scopo di valorizzare il patrimonio maggiore della nostra terra, ovvero il paesaggio. Obiettivo del progetto, grazie anche ai contributi artistici di Studio Azzurro, è fare in modo che queste opere tornino a vivere, risvegliando le coscienze e l’interesse collettivo.

Secondo progetto ‘in progress’, presentato da Antonio Zimarino, Stills of Peace and Everyday Life edizione V, che nel 2018 vedrà protagonista il gemellaggio interculturale Italia-Marocco. La mission di questo progetto è favorire l’incontro tra due culture e stabilire un dialogo attraverso l’arte, perchè due paesi apparentemente molto diversi, attraverso la conoscenza reciproca, possono evidenziare punti di incontro interessanti.
Tra i progetti in fase d’avvio, Maestri identitari dell’arte figurativa contemporanea abruzzese – una ricerca sui maestri abruzzesi del ‘900 raccontata da Alessandro Sonsini. Iniziativa che ha come protagonisti un gruppo di sei artisti (Angelo Colangelo, Dino Colalongo, Albano Paolinelli, Ettore Spalletti, Franco Summa, Sandro Visca), che, pur con personalità artistiche molto diverse, sono accomunati dall’aver fatto parte, nel periodo che va dagli anni ‘70 fino ai primi anni nel 2000, della cosiddetta Scuola Pescarese. Artisti che hanno contribuito in maniera determinante alla formazione di una cultura artistica abruzzese. Il progetto si articolerà in vari momenti: una mostra collettiva, un video che illustrerà il loro pensiero ed una pubblicazione ed un convegno in occasione del quale si dibatterà sul loro modo di fare arte e sul rapporto di ciascuno di loro con il territorio.
Seconda annualità invece per il China Day, in collaborazione con l’Ud’A e il CSCC, il focus permanente sulla Cina contemporanea dedicato agli studenti universitari e delle scuole secondarie superiori che per avvicinarli ad un paese che oggi e in futuro potrà rappresentare un’ottima occasione per sviluppare conoscenza e sviluppare opportunità di business per il nostro Paese.
Tra i nuovi progetti da realizzare, la giovane curatrice Martina Lolli ha presentato Mancanza – Paradiso, un progetto dell’artista Stefano Odoardi, che chiude il più ampio progetto “Mancanza”, naturale prosieguo delle opere precedenti (Mancanza-Inferno che descrive il senso di disperazione e insensata colpa e Mancanza-Purgatorio, che illustra invece il senso di attesa perenne) in quanto riflessione sul raggiungimento dello stato di felicità attraverso la Bellezza. Mancanza-Paradiso” sarà composto da 16 scatti fotografici realizzati mediante una residenza diffusa nei luoghi che custodiscono e proteggono la Bellezza: i musei italiani.
Ultimo progetto in scaletta“Linea-Abruzzo contemporary landscape”, una visione artistica sul paesaggio abruzzese illustrata da Benedetto Condreras e Tereza Knapp. Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare il territorio affinchè l’Abruzzo possa divenire un attrattore sul piano internazionale grazie all’arte contemporanea grazie alla creazione di un parco d’arte contemporanea diffuso che percorrà tutta la famosa Costa dei Trabocchi.

Di seguito condividiamo con voi alcune foto dell’evento. A presto con le nuove iniziative firmate Fondazione Aria!